8.12.12

Xubuntu 12.10

  • Distribuzione:Xubuntu 12.10
  • Desktop Enviroment:Xfce (versione 4.10)
  • Basata su:Ubuntu 12.10
  • Architettura:x86_64
  • Derivazione:Debian
  • Kernel:3.5.0-19-generic
  • Gestore di pacchetti:apt-get
  • Interfaccia Grafica per apt-get:Ubuntu Software Center
  • Formato:.deb
  • Rilascio:Semestrale
  • Login manager grafico:LightDM
  • Installazione da CD:no
  • DVD:ok
  • USB:ok
  • Avvio in Live Mode:ok
  • Posizione Distrowatch:#25
INSTALLAZIONE
L'installazione di Xubuntu, come del resto di tutte le
derivate di Ubuntu procede in modo molto semplice e senza grossi problemi anche per i più inesperti, grazie all'installer Ubiquity preso in prestito da mamma Ubuntu, con l'aggiunta di un look molto più essenzile e pulito, ma comunque gradevole.

Per quanto riguarda l'installazione, anche la iso di Xubuntu nella versione che ho usato (64bit) ha ormai superato i classici 700MB e di conseguenza non è più possibile installarla con il classico cd, anche se in realtà, installare da USB ormai è talmente semplice, che l'uso del CD a mio parere è diventato abbastanza obsoleto ed inutile.
Primo impatto e Aspetto
Al primo avvio devo dire di essere rimasto un pò sorpreso, sia dall'eleganza che dalla bellezza dell'artwork di Xubuntu, ricordavo infatti, avendo provato la distro tempo fa, un qualcosa di molto più spartano, invece devo dire che sotto questo punto di vista il team di Xubuntu ha fatto un buon lavoro!

Infatti sia il tema di Plymouth, che il login Manager LightDM, che il wallpaper di default sono al contempo abbastanza minimali ed eleganti, inoltre, pare proprio che Xubuntu abbia rubato i colori a Kubuntu, infatti a differenza di Ubuntu in questo caso il tutto ha un colore Blu molto gradevole e soprattutto a differenza di Kubuntu, sotto questo aspetto Xubuntu ha un' "anima" un aspetto proprio e ben definito, qualcosa che la rende riconoscibile!L'artwork si completa poi con icone stile Elementary ed un tema per le finestre, tale Greybird anch'essi molto gradevoli!Come font di default troviamo i Droid Sans e non i font di Ubuntu.
Per quanto riguarda il pannello delle impostazioni di Sistema di XFCE, diciamo che mi sembra un pò una via di mezzo tra quello di KDE e di Gnome, se da un lato infatti rispetto al pannello di KDE è molto più minimale e compatto, dall'altro in alcuni casi offre anche qualche soluzione in più rispetto a Gnome anche se bisogna dire che in generale, l'eleganza dell'aspetto delle finestre e delle applicazioni, per quanto riguarda la precisione e la cura dei dettagli a livello di design e di grafica è lontana dalle vette di Gnome.
Desktop ed usabilità

Il Desktop si presenta con un aspetto abbastanza classico e quindi sicuramente molto più familiare rispetto ad interfaccia moderne tipo Unity e compagnia, abbiamo due pannelli, uno classico in alto, con menù molto minimale,orologio, gestore del volume etc. al quale è possibile aggiungere in modo molto semplice alcuni utili screenlet, mentre in basso troviamo un pannello più grande ed a scomparsa che funge da lanciatore veloce delle applicazioni più usate in stile Mac OSX.

Il neo maggiore per quanto riguarda l'usabilità è l'assenza di un gestore finestre serio (alla Kwin per intenderci) che ci permetta di usare alcuni comodi effetti tipo Exposè o altro.
Software preinstallato
  • File Manager:Thunar
  • Browser:Firefox
  • Posta elettronica:Thunderbird
  • Multimedia:Parole (Video) Gmusicbrowser(Musica)
  • Ufficio:Solo Abiword ed un calendario chiamato Orange
  • Torrent:Trasmission
  • Social:Pidging
  • Irc:Xchat
  • Immagini:Gthumb e Ristretto
  • Masterizzazione:Xfburn
Come possiamo vedere, la dotazione di software riesce a coprire un pò tutte le esigenze, anche se comunque non abbiamo di default nessuna suite completa per l'ufficio ma il solo Abiworld.Inoltre il seppur buon player video Parole, non riesce a prendere i file srt dei sottotitoli e quindi ho dovuto usare VLC.
Oltre tutto se vogliamo ancora trovare qualche difetto possiamo notare come, di tutti i programmi installati molti di questi non siano programmi XFCE, che sotto questo putno di vista non è assolutamente all'altezza di KDE o Gnome; infatti, per il browser e la posta ci dobbiamo affidare a Mozilla e, per molti altri programmi a Gnome, questo non è un grosso problema in quanto comunque le librerie di XFCE sono comunque GTK, però la mancanza di molti software "nativi" è sicuramente un punto a sfavore di XFCE, anche se bisogna dire che quei pochi programmi targati XFCE non sono affatto male, come ad esempio Xfburn.
Da notare l'assenza di default di un qualsiasi software per lo storage online in un momento in cui il cloud va tanto di moda!
Installazione Software, applicazioni disponibili ed aggiornamenti

Essendo una derivata di Ubuntu installare e trovare software per chi usa questa distro è semplicissimo, grazie ai depositi di Ubuntu ed ai file .deb che esistono per quasi tutti i programmi, inoltre Xubuntu utilizza Ubuntu Software Manager che come sappiamo è ha prova di utonti.Anche il tool che si occupa degli aggiornamenti è uguale a quello di Ubuntu e da quando lo uso ho sempre aggiornato da interfaccia grafica senza il minimo problema!
Lazy Test

  • Consumo di Ram all'avvio:315MB (driver video Nvidia proprietari)
  • Consumo di Ram con Amule,Opera Browser,Xchat,Musica,File manager,Pidging:891MB
  • Riconoscimento stampante HP=Al volo
  • Lettura Hard Disk esterno NTFS=OK
  • Montaggio automatico Hard Disk esterno=No, Manualmente ad ogni riavvio
Pregi
Xubuntu è una distro molto semplice da usare e da installare come tutte le derivate di Ubuntu, ha un grosso parco software a disposizione.

E' una distro abbastanza leggera e quindi adatta ad hardware non molto recente.
XFCE è attualmente l'ambiente grafico che si avvicina di più al vecchio Gnome2, quindi un ottima soluzione per i nostalgici di questo DE.
Difetti
Per quanto i software disponibili siano molti, di questi pochi sono targati XFCE che sotto questo aspetto è abbastanza carente, dovremmo usare molte applicazioni di Gnome.
Manca un gestore delle finestre come si deve, scordatevi effetti grafici alla Compiz o alla Kwin.
Non monta in automatico supporti esterni!
Il gestore energetico fa le bizze, nonostante disattivato e modificato più volte, mentre guardo i video lo schermo si scurisce, ed è una cosa odiosa!!
Un pò troppo scarno ed old style per i miei gusti, ma io non amavo nemmeno Gnome2 :P
Target a cui è rivolta
Credo che il target di utenti che possa utilizzare questa distro sia molto ampio, grazie alla sua semplicità di utilizzo,l'aspetto minimale ma elegante ed il relativamente basso consumo di risorse;inoltre come detto, molti amanti o nostaglici di Gnome2 si sentiranno a casa!